70 anni di New Look. La mostra Designer of dreams celebra Christian Dior.

 

Dopo le donne, i fiori sono le creazioni più divine” Christian Dior

Era il 12 febbraio del 1947, quando al termine della presentazione della prima collezione di Christian Dior, la capo redattrice di Harper’s Bazaar esclamò: “ Mio caro Christian, i suoi abiti hanno un tale new look!” La guerra era finita da poco e, dopo anni di austerità e di penuria di materia prima, Dior entra in scena creando un nuovo immaginario femminile: esaltare le forme delle donne evidenziandone il punto vita e le curve in maniera elegante e mai volgare. Il tailleur Bar viene considerato l’emblema di questa rivoluzione: un’ampia gonna plissettata e svasata e una giacca stretta in vita che regala un incidere flessuoso e mai visto prima di allora.

new_look_tailleur_bar_vzg_03

Da quel giorno il mondo della moda fu destinato a cambiare per sempre e la definizione di New Look diventò sinonimo di Dior rappresentando contemporaneamente l’urlo delle donne che esigevano una vera e propria rinascita.
Dal 5 luglio al 7 gennaio 2018 le sale del Musée des Arts Décoratifs di Parigi ospitano la mostra Christian Dior, Designer of Dreams dedicata ai 70 anni della maison. Dior, indiscusso innovatore della moda, nacque a Granville, in Normandia, nel 1905. Presto interruppe gli studi in Scienze politiche per collaborare con l’amico Jean Bonjean nella sua galleria d’arte parigina. Lavorò poi per Le Figaro Illustré, occupandosi delle pagine di moda e, in seguito, come disegnatore, vendeva i suoi schizzi a diverse maison. Grazie all’aiuto dell’imprenditore tessile Marcel Boussac, Dior riuscì ad aprire la sua casa di moda nel 1946. In ben tremila metri quadri, sono esposti più di 300 abiti, realizzati dal 1947 a oggi dagli stilisti che l’hanno diretta: il fondatore Christian Dior, il giovane successore Yves Saint Laurent, Marc Bohan che vi rimase dal 1960 al 1988, Gianfranco Ferrè, il rivoluzionario John Galliano, il belga Raf Simons e Maria Grazia Chiuri, la prima e unica donna. C’è un’intera parete di riviste di moda dedicate a Dior, schizzi con le prove per i flaconi di profumo, scarpe, cappelli, gioielli, pochette, abiti in miniatura e un’intera sala dedicata ai cosmetici. In occasione dei suoi settant’anni, la Maison Dior ha aperto le porte dello Château de La Colle Noire, ex residenza e luogo del cuore dello stilista in Provenza. Come l’amico Marc Chagall, egli si innamorò di questa regione anche per i fiori e gli aromi che nel 1947 gli ispirarono il suo primo profumo, Miss Dior. Una sala della mostra, non a caso,è stata allestita interamente con fiori riallacciandosi a questa grande passione del couturier — > https://goo.gl/91DrSp

Christian Dior morì a Montecatini Terme nell’ottobre del 1957, ma la sua maison ha continuato e continua a regalarci sogni.

Guarda i filmati d’epoca dell’Istituto Luce per scoprire la rivoluzione del New Look — > https://goo.gl/p4nUrt

Christian Dior Designer of Dreams Making of: https://goo.gl/qgW9yp ; https://goo.gl/18Vh38

Questo slideshow richiede JavaScript.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...